Catania 0-1 Spal. Rossazzurri fuori dalla Coppa italia, in attesa dell’inizio del processo sportivo
Mercoledì 12 Agosto 2015 10:37

 


Scritto da Redazione

 

Catania-Spal 0-1

Marcatore 15’st Zigoni

Catania(4-3-3). Ficara, Parisi, De Rossi(37’st Ramos)Odjer, Gyomber, Bacchetti, Rosina, Sessa(1’st Tortolano), Calderini, Charapek, Rossetti(31’st Maniero). All Pancaro

Spal(5-3-2)Baranovsky, Lazzari, Giani, Castagnetti(37’st Bellemo) Silvestri, Cottafava, Mora( 39’st Gasparetto), Gentile, Zigoni, Di Quinzio, Finotto. All. Semplici

Arbitro Saia di Palermo

Con il secondo turno eliminatorio della Coppia Italia, il Catania ha aperto oggi la stagione ufficiale, annata assolutamente inedita e ancora tutta da decifrare per via delle note vicende relative al giro di partite combinate che hanno investito la società rossazzura. In uno stadio Massimino deserto(con 800 circa paganti) e con un clima surreale e assente, il Catania è stato superato dalla Spal che passa dunque il turno di Coppa (si giocava in gara unica), in virtù della rete realizzata di testa da Zigoni al quarto d’ora della ripresa. Partita sostanzialmente equilibrata ma povera di spunti di rilevo. Ritmi blandi e poche accelerazioni, tra due formazioni ancora imballate dai carichi di lavoro che la preparazione precampionato impone. Tanta buona volontà tra le file del Catania che ha comunque già palesato un’accettabile condizione atletica, giacchè quanto meno sul piano della corsa i rossazzurri hanno tenuto testa ad un avversario più quadrato e discretamente superiore sul piano tecnico e tattico. Il Catania, considerato il clima societario e ambientale di questi mesi, non è dispiaciuto, mostrando a tratti qualche buona trama di gioco, orchestrate da Rosina, Rossetti e Calderini, da cui piedi sono partite le offensive più pericolose. Il Catania, chiaramente, è ancora un cartiere aperto e questo impegno di Coppa non poteva non essere una sgambatura di inizio stagione, giusto per dare al tecnico Giuseppe Pancaro le prime indicazioni stagionali. La squadra è tutta da rimodulare in attesa di sapere in quale campionato giocherà. Decisione che spetterà alla giustizia sportiva, con il processo che si aprirà proprio oggi a Roma.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna